L’organizzazione dello STUDIO per un ragazzo con DSA ( – STRESS + AUTOSTIMA + AUTONOMIA)

Spesso i ragazzi con Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) hanno difficoltà di organizzazione e di pianificazione, sia del tempo che del materiale (scolastico e non).

In termini pratici capiterà che si dimentichino di scrivere i compiti, li scrivano sul giorno sbagliato, non portino tutto il materiale necessario a scuola, si apprestino a fare i compiti senza il quaderno, la penna, il libro o le mappe, non riescano ad organizzare i tempi di studio delle varie materie in autonomia e così via.

Come fare per aiutarli ad organizzarsi, senza però sostituirsi a loro ed accompagnarli piano piano verso l’autonomia, aumentando così anche il loro senso di autoefficacia?

Primo passaggio:

ADOTTARE un proprio METODO DI STUDIO e quindi riuscire a:

Creare e strutturare le mappe con delle strategie efficaci;

Utilizzare raccoglitori di colori diversi per le stampe e suddividerle per ogni materia;

È utile che il ragazzo inserisca l’etichette su ogni libro e quaderno per facilitare il riconoscimento della materia;

È consigliato fare tabelle figurate per l’organizzazione: come per esempio per i materiali da portare a scuola, per l’orario scolastico e come strutturare lo studio giornaliero;

È essenziale utilizzare un diario che abbia giorni e mesi già inseriti e prestampati per un maggiore controllo spazio-tempo ( se con colori diversi anche meglio). Un diario di una grandezza media, con una pagina per giorno e con della pagine di riepilogo settimanale.

Creare e stampare per la memorizzazione di password e dati un documento word/pdf di riferimento per accedere al registro elettronico, al pc, al proprio indirizzo e-mail, a classroom e a tutte le altre piattaforme che il ragazzo utilizza.


Vediamolo insieme in questo video!

Dai un voto

Clicca sul pollice per valutare!

Valutazione media 4.9 / 5. Numero voti: 20