Sono loro che ti scelgono.

Sono loro che ti scelgono.

di Laura Rovaris

Quando inizi a lavorare con un bambino o un ragazzo BES tutto parte sempre dai genitori, quasi sempre dalle mamme.

Le mamme sono cosi attente a quei piccoli campanelli d’allarme!

Non che i papà non lo siano, sono così presi dalla frenesia del lavoro quotidiano, a volte arrivano a casa quando i figli stanno già leggendo qualcosa sotto le coperte del loro letto a castello e quei brevi momenti che passano con loro preferiscono raccontare della loro giornata, dare il bacio della buona notte e vederli sereni addormentarsi dopo aver salutato il loro papà.

I papà passano per i “ buoni”. Le mamme invece sono quelle che, dopo il rientro da scuola e  la merenda, lottano con i loro figli per fare i compiti, tra minacce, compromessi e litigate.

Vanno ai colloqui, sono iscritte a mille gruppi whatsapp della classe per essere sempre aggiornate su tutto ciò che riguarda la scuola e le novità, cose che ti fanno andare in tilt  il telefono quando di figli ne hai più di 2.

Quando le mamme ti chiamano e ti chiedono aiuto ti senti importante per quella famiglia; ma quando è il bambino che dice ai genitori “Oggi viene Laura? “,“Oggi Laura sta con me?” è lui che ti sceglie.

Ti vuole, ripone la sua fiducia in te.

Accetta il tuo aiuto e la tua vicinanza, è disposto a far cadere quel piccolo muro di protezione (che tutti mettono all’inizio) ed è disposto ad esporre tutte le sue debolezze senza paura e soprattutto senza vergogna, senza dover più chiedere “scusa”.

I bambini non dovrebbero mai chiedere scusa per le loro difficoltà.

A me viene una specie di piccola morsa dentro, ogni volta che un bambino fa un errore durante un’esercitazione e dopo la mia correzione si precipita a dirmi “si, scusa”.

Ho abolito, gentilmente, quella parola in tutti i miei incontri.

Dico loro che fare un errore non è una colpa e per questo non bisogna chiedere scusa.

Quando i bambini mi scelgono mi sento trionfante.

Ma la cosa più bella è quando riesci ad entrare cosi bene in empatia con loro che ti scelgono anche come confidente e vedono gli incontri insieme come un momento di sfogo.

Diventare  la loro confidente  per me è come raggiungere una vetta.

Dai un voto

Clicca sul pollice per valutare!

Valutazione media 5 / 5. Numero voti: 11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *